Quale barca scegliere?

A seconda del tipo, le piccole imbarcazioni presentano diversi vantaggi e svantaggi. Di solito sono destinati al nuoto in determinate condizioni. Pertanto, non dovrebbero essere utilizzati in condizioni, per cui non sono adatti. Alcune barche, come il tradizionale coracle, sono adatti solo a chi è tranquillo, acqua che scorre lento, un altro – come i moderni gonfiabili, può essere utilizzato in condizioni, in cui la maggior parte delle barche sarebbe inutile.

Una barca con un motore

Una barca a fondo piatto alimentata da un motore è perfetta per navigare su barche larghe, fiumi non troppo veloci. Puoi percorrere lunghe distanze su una barca del genere.
Il motore fuori bordo carica la poppa. Pertanto, quando l'elica è affondata nell'acqua, e la barca è lunga e stretta, ci deve essere zavorra a prua per l'equilibrio.
Il motore riduce leggermente il dislocamento della barca.

Gonfiabili

I pontoni moderni sono perfetti anche in condizioni di mare difficili. Ricercatori e viaggiatori li usano con entusiasmo. I pontoni sono orientabili anche in mare tempestoso, inondato dalle onde. Tuttavia, ghiaccio galleggiante e altri ostacoli possono perforare le camere galleggianti del pontone. Durante la navigazione in un pontone a motore devi caricare la sua prua, in modo che non galleggi troppo in alto, perché potrebbe ribaltarsi, soprattutto quando si urta contro le onde.

Coracle

Devi sapere come fare questa barca; è costituito da un telaio di vimini intrecciato in una ciotola semicircolare e una pelle di animale o un telone teso su di esso. Questo tipo di barca è adatto solo per acque molto calme, al riparo dal vento.

Kayak

La tradizionale canoa eschimese si è rivelata il miglior tipo di imbarcazione per le gite turistiche. Estremamente resistente, i più moderni kayak sportivi da montagna sono costruiti secondo il prototipo Eskimo. I kayak ricoperti di lino o pelle impregnati non sono resistenti come quelli in fibra di vetro, ma molto più leggero. Pertanto, possono essere trasportati su soglie e rapide difficili da attraversare. Remare e guidare un kayak, che viene caricato con bagagli o lanciato da forti torrenti di montagna, richiede molta manualità. Una canoa senza chiglia può facilmente ribaltarsi.

CONSIGLI PRATICI

■ Indossare sempre un giubbotto di salvataggio a bordo, e quando non ce l'hai, infilare bottiglie vuote in tasca.

■ Fissare ogni attrezzatura legandola ai lati con una corda, albero o ponte.

■ Non sovraccaricare l'imbarcazione.

■ Fai qualche ricerca lungo il fiume, che stai per nuotare, prima di varare una zattera o una barca su di essa.

■ Se stai usando un motore, velocizzare la barca, finché non scivola piatto sulla superficie dell'acqua, allora rallenta, in modo che il becco non inizi a sollevarsi troppo.

PAGAIA DA FOUR KIEV

1 Prendi i debiti, bastone forte, tagliare germogli verdi e nodi con un coltello. Affilalo in un cuneo oblungo.

2 Lega due pali più corti ai lati dell'estremità appuntita. Queste saranno piume da paddle.

3 Premi il terzo bastoncino corto nello spazio tra i due bastoncini laterali, finché non si adatta perfettamente alla tacca sul bastone lungo. Lega tutto stretto.

Remo pronto

Potrebbe essere necessario riannodare il remo finito durante il nuoto, perché una corda bagnata spesso si allenta.