Muoversi nella giungla – i pericoli

TIPI DI GIUNGLA

Rigoglioso sottobosco
Una foresta equatoriale secondaria sta crescendo nelle aree, su cui la gente ha bruciato alberi, saper coltivare la terra. Dopo il raccolto, lasciarono le radure bruciate e la foresta cominciò a ricrescere. La luce del sole ha raggiunto il suolo, facendo crescere abbondantemente il sottobosco. È molto difficile guadare la macchia verde tipica di questo tipo di giungla.

Volta verde
Nella foresta equatoriale primordiale, gli alberi raggiungono 60 metri di altezza, e le loro corone formano una fitta volta verde, che ferma i raggi del sole. Se visto dall'alto, crolla e si alza insieme al terreno, invaso dalla giungla. La maggior parte degli animali vive ai piani superiori della foresta, passando di corona in corona.

Cienity il
La vegetazione è molto rada sotto la volta della giungla originale, per la mancanza di sole. Lunghe liane pendono dall'alto, e i rappresentanti più piccoli del mondo vegetale e animale cercano di trovare un posto e una macchia di sole a diversi livelli di umidità, foresta oscura.

MUOVERSI NELLA GIUNGLA

Camminare nella foresta equatoriale primordiale non è molto difficile. Al contrario, lacerando il denso, la fitta vegetazione della giungla secondaria arriva con la massima difficoltà. Dover sgombrare la strada con un machete rallenta notevolmente il ritmo, che diventa molto faticoso. È tanto più oneroso, che molti rampicanti e liane aggrovigliate hanno spine acuminate, e molti insetti pungenti intorno all'estate. Se sei già impigliato in qualche rampicante spinoso, è meglio fare un passo indietro lentamente, ripetendo i movimenti nell'ordine inverso, ti ho intrappolato.

Reedopalms
Alcune specie di palma di canna possono strappare i vestiti in brandelli. Se rimani impigliato in una pianta del genere, devi aspettare con calma, finché qualcuno non ti libera.

IL RITMO DEL GIORNO

Più ci avviciniamo all'equatore, più diventa regolare, il ritmo quotidiano dei giorni e delle notti. Nelle aree lungo l'equatore, l'alba e il tramonto si verificano esattamente nello stesso periodo dell'anno. Anche le piogge si adattano a questo ritmo, di solito cadendo contemporaneamente, poco prima del buio. Non c'è un'ora grigia lì, come nelle aree di maggiore latitudine, l'imbrunire arriva subito, l'oscurità copre la terra all'istante. È meglio iniziare la giornata all'alba e lavorare o marciare fino a mezzogiorno, e poi riposare al caldo più caldo. Sulla strada, dovresti iniziare a cercare un campeggio verso le tre del pomeriggio, per non essere sorpresi dal buio.

PERICOLI

Molti pericoli attendono il viaggiatore nella giungla – dagli animali selvatici alle malattie pericolose, come la malaria. L'umidità continua può causare il piede d'atleta, ecco perché dovresti lavarti i piedi regolarmente e cospargere di borotalco. Scuotilo sempre prima di indossare i vestiti, perché di notte vi potrebbero nidificare serpenti o ragni velenosi. Prima di andare ai tropici, fai il vaccino contro la malaria e tieni sempre i farmaci per la malattia nel tuo kit di pronto soccorso.. Quando vai nella foresta, non rimpiangere le misure contro gli insetti; lubrificarli abbondantemente, e appendere le zanzariere di notte.

Nemico mortale
La zanzara forchetta femmina (Anofele) può trasmettere la spora che causa la malaria (altrimenti tampona).

Rimozione della sanguisuga
Le sanguisughe succhiate sul corpo non vanno strappate, perché le mascelle possono rimanere e causare un'infezione. Dovrebbe essere bruciato con un bastoncino incandescente o un insetticida, lascia che allenta la presa, e basta sganciarlo.