Acqua vegetale

Le piante evaporano attraverso le foglie. Il vapore acqueo delle piante può essere utilizzato per ottenere acqua potabile. È sufficiente circondare strettamente la pianta.

1 Scava due depressioni a forma di cratere concentricamente su un pendio leggermente inclinato, uno più grande, e l'altro più piccolo. Le rientranze devono essere separate dal pozzo di terra.

2 Posiziona una tenda fatta di un sacchetto di plastica sopra i recessi; Sollevare la cima con un bastone sull'albero, e schiacciare il fondo con le pietre. Rivestire la cavità con foglie verdi ed erba.

3 Dopo aver fatto un mucchio di foglie, legare saldamente l'estremità del sacchetto, facendo attenzione, in modo che la pellicola non tocchi le piante. Quando le foglie iniziano a sudare, il vapore acqueo si depositerà ai lati della tenda e si condenserà, e poi sfocia nel canale tra i crateri. Quando in fondo, molta acqua si raccoglierà nella parte estesa del canale, puoi allentare con cura la corda all'estremità della borsa e posizionare il piatto sotto di essa.

ALTRI MODI
In situazioni eccezionali, puoi raccogliere gocce d'acqua sparse nella nebbia che galleggiano sopra le zone umide, stendendo un lenzuolo a terra o stendendolo tra gli alberi. Un altro modo è stendere un pezzo di pellicola sull'erba durante la notte. Quando l'aria si rinfresca di notte, il vapore acqueo sottostante inizierà a condensarsi. È vero che non si può più ottenere acqua in questo modo, ma almeno per un po' ti disseta.

Acqua dal ramoscello
Metti un sacchetto di plastica su un ramoscello fresco con foglie verdi e legalo all'estremità. Il vapore acqueo rilasciato dalle foglie comincerà a depositarsi all'interno del sacco e a condensarsi.